FOGGIA CITTADELLA 1-1

102

Al termine della gara Foggia-Cittadella si sono presentati in sala stampa: Venturato; Gerbo; Deli e Grassadonia. Rilasciando le seguenti dichiarazioni:

Venturato: “Abbiamo fatto una prestazione positiva, mi dispiace che non abbiamo vinto… in questo momento conta molto il risultato, dovevamo gestire meglio il vantaggio. Abbiamo commesso un ingenuità sul calcio di rigore. Il pareggio è giusto, abbiamo fatto una partita importante provando a vincere, dovevamo essere più incisivi e concreti negli ultimi metri… non è un buon segnale.
Io credo che nel calcio bisogna saper correre bene e con qualità, lo abbiamo fatto, ma abbiamo sbagliato nell´ultimo quarto d´ora dove dovevamo sfruttare il possesso palla, non credo sia stato problema di stanchezza… è stato merito degli avversari.
Dare un giudizio sul Foggia non credo sia corretto, il Foggia ha giocatori di qualità e può giocarsela fino in fondo, bisogna mettere caparbietà e delusione.
In questo momento i pareggi non ti danno granchè, bisogna portare i tre punti a casa, noi cerchiamo di farlo attraverso il gioco… ogni partita è una finale.
La maggior parte del nostro campionato è andato bene, purtroppo abbiamo fatto troppi pareggi, questi disturbano la nostra attuale classifica.

Gerbo:”E´ stata una partita approcciata nel migliore dei modi, la squadra era frizzante, il Cittadella l´ha sbloccata su una situazione un po´ fortuita… potevamo essere più concreti sotto porta. Ho fatto i complimenti a Paleari per le parate che ha effettuato.
In campo bastava un goal per riaprirla e potevamo andare vicino alla vittoria, purtroppo c´è stato un palo con autogoal, siamo stati sfortunati, ma mi è piaciuto lo spirito di oggi.
Abbiamo preso un punto, è meglio di aver perso, sappiamo che è importante vincere in casa, ma fuoricasa non è vietato vincere, abbiamo l´opportunità di andare a vincere a Brescia… non ci andremo a consegnare.
Parlando con il mister abbiamo deciso di dare la fascia a Pietro, in questo momento è importante il supporto degli attaccanti, io ho pensato che dandogli la fascia avrebbe dato una qualcosa in più.

Deli:”Io penso che il migliore del Cittadella è stato il portiere, abbiamo avuto sfortuna, loro hanno segnato su un errore nostro. Dobbiamo continuare così e sfruttare meglio le occasioni.
Se ci siamo compattati è merito di tutte le componenti, specialmente dei tifosi… ci dobbiamo salvare, continuare così e non sbagliare niente.
La nostra è stata una reazione di orgoglio, non meritavamo lo svantaggio, ognuno di noi ha messo qualcosa in più… secondo me potevamo vincere, dobbiamo continuare così e sfruttare più occasioni.
Sto bene, quest´anno a livello fisico non sono stato fortunato. Mi sto allenando bene. C´è stata una reazione d´orgoglio, siamo vivi e dobbiamo continuare così.
Adesso dobbiamo dare tutto, abbiamo 2 settimane per ricominciare, l´importante è la compattezza e la ferocia di squadra. Il Brescia gioca in modo simile al Cittadella… bisogna pensare partita per partita e fare sempre punti.

Grassadonia: “Questo punto da certezze, perchè la squadra ha fatto una buona partita contro una delle squadre più in forma, è un pareggio che ci sta anche stretto per quanto fatto, tenendo conto che non è stato facile andare sotto e ripartire.
La fascia a Iemmello è un atto dovuto, ho condiviso questa scelta con Gerbo, lui mi ha dato disponibilità ed il gruppo si costruisce anche da questo.
Ogni partita è una finale, dobbiamo essere bravi a prendere punti ovunque contro chiunque, dobbiamo toccare altre corde a livello di gioco. Sia Oliver che Marco Zambelli potevamo sfruttarli di più dando la palla veloce. I ragazzi hanno alternato buone situazioni ad altre che non sono state interpretate bene.
C´è tanto da migliorare, bisogna lavorarci, in questi 4 giorni i ragazzi sono tornati su quello che facevamo prima, vanno migliorati certi automatismi… sono soddisfatto da questa partenza della squadra, non è stato facile andare sotto e continuare a spingere e poi darci ancora dentro fino alla fine, è stato un buon segnale.
Ho riconosciuto la mia squadra, lo spirito, la serenità ed una grande determinazione, se restiamo insieme arriveremo all´obiettivo.
Mi ha mortificato la situazione quando sono andato via e sono tornato molto arrabbiato, io mi sento un allenatore molto bravo che ha passato percorsi molto difficili che ci hanno condizionato. Noi dobbiamo concentraci, perchè c´è tanto da fare.
I tifosi ci hanno spinto e quando cantano si sentono, dobbiamo dare tutto quello che abbiamo, bravi a non farci uccidere per uscirne fortificati… dovevamo vincerla questa partita, oggi non ci siamo riusciti e per questo dobbiamo lavorare tanto.
Non mi piace appellarmi alla fortuna e la sfortuna, sei tu che la determini. Lo spogliatoio deve essere granitico, bisogna pensare solo al ´noi´ e non all´´io´.
Il Cittadella è una delle squadre che ti fa giocar peggio, faccio i complimenti a loro per l´equilibrio, potevamo perderci. Bisognava giocar bene tra le linee, ho avuto le risposte che cercavo, forse meritavamo di vincere, ma prendiamo questo punto e torniamo a farne altri.
Noi non andiamo a Brescia a fare le vittime, attraverso il gioco andremo a cercare di vincere la partita. Oggi la squadra ha dimostrato maturità ed equilibrio, ma mancano punti importanti.
Galano va assolutamente recuperato, lui ha degli spunti che possono servirci tanto, deve dare di più dal punto di vista dell´intensità e del piacere di giocare… può farci svoltare. Gli attaccanti vanno messi nelle condizioni di far goal. Siamo arrivati varie volte al tiro oppure ci è mancato il passaggio finale.

Foto: Antonello Forcelli

I commenti sono chiusi.