Monday, 20 November 2017

PROVERBI

1. Àcene Àcene s’enghie la màcene.

Ad acino ad acino si riempie la macina.

2. A ccarnuvèl’ògne schèrze vele.

A carnevale ogni scherzo vale.

3. Aqquarand’anne nu mel’a l’anne; a la cinguantine nu mel’a la matine; a la sessantine nu mele fin’a la fine.

A quarant’anni un male all’anno; alla cinquantina un male alla mattina; alla sessantina male fino alla fine.

4. Acqua e mmòrte addriète a la pòrte.

Pioggia e morte dietro la porta.

5. Amice fàlze, nnande t’alliscene e addriete te piscine.

Amici falsi, davanti ti accarezzano e alle spalle ti criticano.

6. Annete re vjènde, annete re njènde.

Annata di vento, annata di niente.

7. Aùste chep re vjèrne

Agosto inizio d’inverno.

8. Altèzze mèzza bbellèzze.

Altezza mezza bellezza.

9. Carte e ddònne fanne sèmbe quère ca vuònne.

Le carte e le donne fanno sempre quello che vogliono.

10. Casa mìje, jete mìje.

Casa mia, fiato mio.

11. Cchiù pòche sime, cchiù bbèlle parime.

Meno siamo, più belli sembriamo.

12. Chi bbèlle vuòle parè, mele e ppène adda patì.

Chi bella vuole sembrare, dolore e pene deve patire.

13. Chi bbiène me vuòle a cchese me truòve.

Chi mi vuole bene mi trova a casa.

14. Chi bbòna razze vuòle fè, figlie femmene adda accumenggè.

Chi buona razza vuol creare, deve iniziare dalla figlia femmina.

15. Chi jè figlie re bbuòna razza tòrne sèmbe a lu jazze.

Chi è figlio di buona razza torna sempre a casa sua.

16. Chi mange adducce e cchi gliòtte velène.

Chi mangia galletto e chi ingoia veleno.

17. Chi nunn’ej bbuòne p’ l u rè, nunn’ej bbuòne manghe pe mmè.

Chi non è buono per il re, non lo è neanche per me.

18. Chi rire lu vernerì, chiangn’ la rumèneche.

Chi ride di venerdì, piange la domenica.

19. Chi ròmbe adda pahè e li cuocce sònne li suje.

Chi rompe deve pagare e i cocci sono i suoi.

20. Chi se mbicce rèste mbecciete.

Chi si intriga resta intrigato.

21. Chi se ne respiece re la carne re l’àte, la sòje s’ la màngene li chene.

Chi si dispiace ella carne degli altri, la sua se la mangiano i cani.

22. Chi se piglie, s’assumèglie.

Chi si prende, s’assomiglia.

23. Chi sparte ève la mèglia parte.

Chi divide le porzioni ottiene quella migliore.

24. Chi spute ngjèle, n facce le viène.

Chi sputa in cielo, in faccia gli viene.

25. Chi tiène faccia tòste s’mmarite, chi nò rèste zite.

Chi tiene la faccia tosta si sposa, chi non ce l’ha resta nubile.

26. Chi tiène nese tiène crijànze.

Chi ha naso ha creanza.

27. Ciucce e padrone vuònne avè sèmbe raggione.

Gli asini e i padroni vogliono avere sempre ragione.

28. Cricche, cròcche e màneche r’engine.

Persona eretta, persona curva e manico d’uncino.

29. Gòbbe a ppònènde lune crescènde; gòbbe a llevande lune calande.

Gobba a ponente luna crescente; gobba a levante luna calante.

30. L’uòcchie re lu padrone ngrassa lu cavadde.

L’occho del padrone ingrassa il cavallo.

31. La bbuscije vèc nnanze, la verità viène apprièsse.

La bugia va avanti, la verità viene dietro.

32. La còcce ca n’ mbèn?e jè chiamate checòzze.

La testa che non pensa è chiamata zucca.

33. Li funge a rròcchie, li fèsse a ccòcchie e la tèrre a palme.

I funghi a gruppetto, gli sciocchi a coppia e il terreno a palmo (di mano).

34. Lu ljètte se chiame ròse, s’ n’ duòrme, repuse.

Il letto si chiama rosa, se non dormi, riposi.

35. Lu prim’anne spusete o malete o carcèrete.

Il primo anno di matrimonio o si è malati o si è carcerati.

36. Mazze e panèlle fanne li figlie bbèlle; pene e prùsutt fanne li figlie brutte.

Botte e pagnotte fanno i figli belli (crescono), pane e prosciutto fanno i figli brutti.

37. Mèglie ca te coglie na priète, ca avè a che ffè cu na femmene ngazzète.

Meglio che ti colpisce una pietra, che avere a che fare con una donna arrabbiata.

38. Natele cu lu sòle e Pasque cu lu ceppòne.

Natale con il sole e Pasqua con il ceppo.

39. Nisciuna carne rèste ala chianghe.

Nessuna carne resta in macelleria. A significare che nessuna donna resta in casa (quasi sempre trova marito).

40. Ne nge vuònne né làcreme né lamiènde pe te fe passè lu mele re rjènde.

Né con le lacrime, né con i lamenti riesci a togliere il male di denti.

41. Nunn’àja meje rice a la mene mangine quère ca fece la mene drìtte.

Non devi mai dire alla mano sinistra quello che fa la mano destra.

42. Passète lu sande, passète la fèste.

Passato il giorno dell’onomastico, passata è la festa.

43. Pazzje cu li fande e llàssa stè li sande.

Scherza con i fanti ma lascia stare i santi.

44. Pcchèt cunfssèt miezz prdunet.

Peccato confessato mezzo perdonato.

45. Pil e ueje n manghn mej.

Peli e guai non mancano mai.

46. Porta chius, visita fatt.

Porta chiusa, visita fatta.

47. Prim li rjènd e ppò lì parjènd.

Prima i denti e poi i parenti.

48. Quann’ lù riavl t accarèzz’ vec truann l’anm.

Quando il diavolo ti accarezza va trovando l’anima.

49. Quann la att n c’è lì surg abballn.

Quando il gatto manca, i topi ballano.

50. Quann tanta àdd càndn n fec mej juorn.

Quando tanti galli cantano non fa mai giorno.

51. Ra l stell a la stàll.

Dalle stelle alle stalle.

52. R meglj paruòl sonn chìr ka nt jessn.

Le migliori parole sono quelle che non ti escono.

53. Rimm a chi si ffiglj e t rich a chi assmiglj.

Dimmi a chi sei figlio e ti dico a chi somigli.

54. Rùss r sèr bondjèmb s spèr; rùss r matìn brutt tjèmp s’avvicin.

Rosso di sera bel tempo si spera; rosso di mattina brutto tempo si avvicina.

55. Sergènd e muschettjèr ognun a lu suj mstier.

Sergenti e moschettieri ognuno al suo mestiere.

56. S sep andò s nasc e n’ s sep andò s muor.

Si sa dove si nasce e non si sa dove si muore.

57. Sgnòr s nasc ma nn s puot addvntè.

Signori si nasce ma non si diventa.

58. Scherz r mèn scherz r vllen.

Scherzi di mani, scherzi di villano.

59. S Ddìj nn prdunàss tutt quant, mbaravìs nn stessr sand.

Se Dio non perdonasse tanto, il paradiso non avrebbe Santi.

60. S f’rùcje vuò, f’rùcje àja rè.

Se fiducia vuoi, fiducia devi dare.

61. S t’àja spusè o àja viaggiè né vvernerìj né mmarterìj t’ajà capè.

Se ti devi sposare o devi viaggiare non farlo né di venerdì né di martedì.

62. Se vuò vuaragnè àja pnzè sul a ffatìjè.

Se vuoi guadagnare devi pensare solo a lavorare.

63. Sì gghiut p’arrcchì e à fatt riebbt’.

Sei andato per arricchire e hai fatto i debiti.

64. Stip che truov.

Conserva che troverai.

65.Tal padr tal figlìj.

Tale padre tale figlio.

66.Tanta tiell tanta cupierrchìj.

Tante pentole, tanti coperchi.

67. Tratte c chì meglìj r tè e facce r spese.

Frequenta chi è migliore di te e fagli le spese.

68. Trè sonn lì putient: lu rrè, lu pep e chì nn tien nient.

Tre sono i potenti : il re, il papa e chi non ha nulla.

69.Trènda juòrn a nnuvèmbr c abbrìl, ggiugn e ssettèmbr, r vendòtt ce ne un, tutt l’àt n tjènene trèndune.

Trenta giorni a Novembre con Aprile, Giugno e Settembre, di ventotto c’è n’è uno, tutti gli altri ne tengono trentuno.

70. Trippa sazzja cèrch rpos.

Pancia sazia cerca riposo.

71. Tutt li Sand, la nev p lì camp.

A tutti i Santi, la neve per i campi.

72.Un ne fèc e ccjènd n pènz

Una ne fa e cento ne pensa.

73. p’avè e rrumèn a ddè.

Va con l’intento di ricevere, invece resta con l’obbligo di dare.

74.Vnnùt, fnùt.

Venduto, finito.

75. Vìzzje r natùr fin a la spltur dur.

Vizio di natura dura fino alla sepoltura.

76. Vrazz a piètt, còss a lljètt.

Braccia al petto, gambe a letto.

77.Vulè ej Putè.

Volere è potere.

No Banner to display

No Banner to display