Foggia-Cremonese 3-1: le pagelle dei rossoneri

76

Foggia-Cremonese 3-1: le pagelle dei rossoneri

Ancora una prova sontuosa di Gerbo, protagonista in tutte le azioni più pericolose del Foggia. Mazzeo-Iemmello l’intesa c’è. Kragl torna decisivo

Foggia-Cremonese 3-1: le pagelle dei rossoneri
„Bisogna correre e non fermarsi, “ché di strada ce n’è ancora tanta” come direbbero gli 883. Però, per lo meno, il nuovo mister del Foggia troverà una squadra con il morale non alle stelle, ma neppure sotto i tacchi. La vittoria della Cremonese va contestualizzata e accolta con la giusta cautela, per una serie di circostanze ed episodi che l’hanno determinata, ma senza dubbio è come una buona merendina presa al posto di una minestrina insipida. E di ‘sti tempi non è mica da buttare. Si è ripartiti dal 3-5-2, modulo che, con i giusti interpreti, esalta le doti dei giocatori più rappresentativi (da Mazzeo a Kragl) e anche chi negli ultimi anni ha dovuto patire un estenuante nomadismo tattico (Gerbo). Restano certi problemi (ancora un gol su calcio piazzato) come le incognite (se si resterà così, quale posizione destinare a Galano?), da affrontare. Ma la vittoria di ieri per qualche giorno accantonerà i musi lunghi. E va più che bene quando si deve ricominciare.
Foggia-Cremonese 3-1: le pagelle dei rossoneri
FOGGIA (3-5-2) Bizzarri 6,5; Tonucci 6 Martinelli 6 Ranieri 6; Zambelli 6,5 (29’st Cicerelli 6) Gerbo 7,5 Agnelli 6,5 Busellato 5,5 (33’st Rubin 6) Kragl 6,5; Mazzeo 7 Iemmello 6,5 (41’st Galano s.v.). A disposizione: Noppert, Sarri, Loiacono, Carraro, Rubin, Boldor, Arena, Gori. All. Pavone 7

CREMONESE (4-3-1-2) Ravaglia 5; Mogos 6,5 Claiton 5,5 Marconi 5 Migliore 5; Boultam 5 (39’st Emmers s.v.) Greco 5,5 Arini 5; Castrovilli 5,5 (24’st Perrulli 5,5); Carretta 5 (6’st Strefezza 5,5) Paulinho 5,5. A disposizione: Volpi, Agazzi, Kresic, Piccolo, Croce, Del Fabro, Terranova, Renzetti. All. Rastelli

Arbitro: Rapuano di Rimini 6

Bizzarri 6,5 – Sul gol resta inchiodato sulla linea, ma c’è mezza difesa piazzata malissimo. Trascorre un secondo tempo da spettatore, fino al colpo di reni che nega il gol a Palinho.

Tonucci 6,5 – Senza fronzoli, autoritario. Si è rivisto il Tonucci Dottor Jeckyll. Chissà che la nuova fase non lo riabiliti.

Martinelli 6 – Un erroraccio in avvio cui cerca di rimediare maldestramente. Giallo. Unica macchia di un match discreto. Sul corner la sensazione è un po’ tutta la difesa sia piazzata male, e che non fosse lui a dover andare su Claiton.

Ranieri 6 – Un errorino condiviso con i compagni, perché sul corner si trova a guardare il pallone senza marcare nessuno. Ma occorre essere indulgenti, anche perché per il resto della partita sbaglia davvero poco.

Zambelli 6,5 – L’asse con Gerbo è la cosa che funziona meglio nella prima frazione. Cala alla distanza, ma al netto degli acciacchi, andrebbe impiegato con maggiore costanza per sperare di vederlo in condizione (29’st Cicerelli 6 – Poco più di un quarto d’ora, speso bene. Aziona un paio di ripartenze con due accelerazioni interessanti).

Gerbo 7,5 – Rieccolo nel centrocampo a cinque da mezzala. Ruolo interpretato magistralmente, sia per vie interne, sia quando va a sovrapporsi a Zambelli. Mette il piede in tutte le azioni più significative del Foggia, la traversa gli nega il gol dell’anno, poi ci pensa Iemmello a rendergli giustizia. La sgroppata con la quale va via a tre avversari, e chiusa con un fallo subito e non sanzionato, ti lascia senza fiato. Soprattutto perché aveva mangiato decine di chilometri.

Agnelli 6,5 – Da mediano basso, a proteggere la difesa. Ordina una mediana dove forse mancano le sapienti geometrie, ma non carattere, grinta e diligenza tattica.

Busellato 5,5 – Unica nota parzialmente stonata della serata. Le sofferenze di Kragl sono imputabili anche a una non sempre attenta copertura della mezzala sinistra. Chiude con i crampi, se non altro ha speso tutto (33’st Rubin 6 – Pochi minuti, un paio di belle giocate. Bello l’assist che Kragl non capitalizza).

Kragl 6,5 – Il gol edulcora dà la svolta a una prestazione fino a quel momento non proprio esaltante. A destra soffre le incursioni di Mogos. Nella ripresa va più sul velluto. Da mezzala si mangiucchia due gol.

Mazzeo 7 – Potrebbe segnare già al 1’, ma gli manca la giusta freddezza. Avrà modo di riscattarsi. Con Iemmello l’intesa è già a ottimi livelli. La presenza del ‘Re’ gli consente anche di farsi rivedere in rifinitura. Due volte manda in porta il compagno, che però ha le polveri ancora parzialmente bagnate.

Iemmello 6,5 – Segna (in leggero offside) un gol facile, ma prezioso, perché stende definitivamente la Cremonese. I movimenti sono spesso giusti, l’infallibilità sotto porta non è ancora quella dei giorni migliori. Ma con Mazzeo lascia intravedere qualcosa di molto interessante (41’st Galano s.v.)

All. Pavone 7 – Si affida alla logica, senza scelte cervellotiche. Il risultato gli dà ragione. Una bella parentesi, prima di tornare a lavorare con i più giovani.

“(FoggiaToday)

 

 

I commenti sono chiusi.