INFORMARE PER INNOVARE L’AGRICOLTURA DEI MONTI DAUNI

172

Progetto

SINAPSI AGRICOLAE: INFORMARE PER INNOVARE L’AGRICOLTURA DEI MONTI DAUNI

LE AZIENDE CHE INTENDONO PARTECIPARE AI WORKSHOP POSSONO MANIFESTARE IL PROPRIO INTERESSE COMPILANDO LA SCHEDA DI ADESIONE  IN ALLEGATO E INVIANDOLA AL GAL MERIDAUNIA VIA MAIL ALL’INDIRIZZO INFO@MERIDAUNIA.IT.

I WORKSHOP AVRANNO INIZIO A GENNAIO 2018

Il GAL Meridaunia ha presentato e ricevuto l’ammissione a finanziamento del progetto dal titolo SINAPSI AGRICOLAE: INFORMARE PER INNOVARE L’AGRICOLTURA DEI MONTI DAUNI a valere sul PSR Regione Puglia 2014-2020, Misura 1 Trasferimento di conoscenze a zioni di informazione, Sottomisura 1.2 Sostegno ad attività dimostrative e azioni di informazione. Il progetto si avvale della collaborazione del CREA di Foggia, del CREA di Bella in provincia di Potenza e dei GAL Sud Est Barese (Mola di Bari) e Capo di Leuca (Tricase  – LE),

Il progetto ha l’obiettivo di diffondere innovazione e conoscenza fra gli imprenditori agricoli pugliesi e dell’area dei Monti Dauni nello specifico, trasmettendo pratiche agronomiche e gestionali nel settore cerealicolo, caseario e dell’allevamento. Attraverso una capillare azione d’ informazione organizzata in forma di workshop e mirata ai giovani agricoltori in primis, saranno divulgati i risultati delle ricerche realizzata dai Centri specializzati, regionali ed extraregionali, come il CREA FG e CREA di BELLA. L’obiettivo è trasferire le conoscenze relative alle innovazioni nei processi di produzione, mirate al raggiungimento di prodotti di qualità.

Il progetto mira, infatti, a creare sinapsi fra mondo produttivo e mondo della ricerca in aree regionali più interne e in contesti rurali svantaggiati e si basa sulla consapevolezza del ruolo significativo che l’agricoltura può svolgere sia in termini di reddito sia di esternalità positive a livello ambientale e sociale, mantenendo il presidio sul territorio.

L’obiettivo specifico è incoraggiare l’apprendimento nel settore agricolo, stimolare l’innovazione, recuperare cultivar autoctone, facilitare i processi di trasferimento tecnologico per rendere le piccole aziende più competitive.

Il progetto informativo è stato ideato e sviluppato in collaborazione con la Rete Rurale Nazionale e si articola in 3 cicli di informazione, ognuno strutturato in 8 workshop. I workshop, che avranno inizio dal prossimo gennaio, saranno itineranti, per coprire capillarmente la quasi totalità dei Comuni dei Monti Dauni, dando priorità a quelli più interni e con maggiori difficoltà. Seguiranno 2 momenti di diffusione e confronto nel Sud Est Barese e nel Salento, la visita ai campi sperimentali del Crea a Foggia e la visita di una best practices nell’allevamento e nella produzioni casearie. I workshop approfondiranno le principali pratiche che possono contribuire a migliorare la qualità dei prodotti agricoli e la produttività delle aziende.

 

I tematismi dei 3 cicli di  workshop saranno i seguenti:

I sistemi e le tecniche di produzione

Le modalità di allevamento e I fabbisogni alimentari delle specie zootecniche; L’integrazione alimentare e il ruolo dei mangimi;
Cerealicoltura dauna: tradizione, innovazione e marketing
Tecniche di agricoltura conservativa per i cereali

La gestione agronomica delle produzioni ai fini della qualità

Le produzioni foraggere; La gestione razionale dei pascoli
Gestione agronomica per produzioni di grano di alta qualità

La ricerca genetica ed agronomica

La scelta delle essenze foraggere Epoca e modalità di fienagione
Grano duro: una storia che parte della provincia di Foggia
La ricerca genetica ed agronomica a supporto della filiera del grano duro

La qualità dei prodotti

Le caratteristiche qualitative del latte
Le caratteristiche qualitative del formaggio
Cerealicoltura dauna: tradizione e innovazione

I fattori che influenzano la qualità

Biodiversità e produzioni tipiche
Qualità nutrizionale e organolettica dei formaggi
I parametri della qualità influenzati dall’alimentazione
I grani antichi

Produzioni  innovative

Problematiche relative alle produzioni casearie innovative (locali, adeguamenti impianti, ecc.); Tecnologie per la produzione di prodotti a base di cereali ad alto valore nutrizionale
Il grano biologico: opportunità per fare reddito

Comunicare la qualità

Le produzioni locali – La domanda di formaggi di qualità – Le strategie di comunicazione e marketing – Il mercato del grano duro – Celiachia, sensibilità al glutine: moda o vera intolleranza?

Costruire reti in agricoltura

Le tipicità delle produzioni per la creazione di reti – La qualità dei prodotti nell’anno internazionale del cibo italiano nel mondo

 

 

GAL Meridaunia – Piazza Municipio, 2 – 71023 Bovino (FG) – Tel. 0881.912007/966557 – Fax 0881.912921

e-mail: info@meridaunia.it  – PEC: meridaunia@pec.it  – P.Iva 02303810713

 

SCHEDA DI ADESIONE ALL’INIZIATIVA INFORMATIVA

(impresa destinataria dell’iniziativa)

 

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’

(resa ai sensi dell’articolo 47 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari

in materia di documentazione amministrativa approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

 

Il/La sottoscritto/a_________________________________________codice fiscale_____________________nato/a a __________________________ prov.______il ________________residente a_________________________ prov. ______ indirizzo e n. civico__________________________________, in qualità di rappresentante legale dell’ente/impresa/altro______________________________________P. Iva/C. Fisc.____________________con sede nel Comune di _______________________(prov____) codice ATECO______________n. R.E.A.________tel.____________e-mail_______________.

C O N S A P E V O L E

 

della responsabilità penale cui può andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci e di falsità negli atti, ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 e dell’art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni,

 

DICHIARA

 

  • di aderire al progetto informativo denominato SINAPSI AGRICOLAE: Informare per innovare l’agricoltura dei Monti Dauni presentato dal GAL Meridaunia scarl;
  • che l’impresa non è destinataria di un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione Europea che dichiara gli aiuti illegittimi ed incompatibili con il mercato interno;
  • che l’impresa non è in difficoltà[1]. Si autorizza l’Amministrazione concedente al trattamento e all’elaborazione dei dati forniti con la presente dichiarazione, per finalità gestionali e statistiche, anche mediante l’ausilio di mezzi elettronici o automatizzati, nel rispetto della sicurezza e della riservatezza e ai sensi dell’articolo 38 del citato DPR n. 445/2000.Allega alla presente: fotocopia di un documento di riconoscimento valido e del codice fiscale.

___________,________________________                                                           Timbro e Firma_____________________________

[1] Si definisce “impresa in difficoltà’ ai sensi dell’art. 2 par. 4 Reg. UE n.702/2014, un’impresa che soddisfa almeno una delle seguenti circostanze:

  1. a) nel caso di una società a responsabilità limitata (diversa da una PMI costituitasi da meno di tre anni), qualora abbia perso più della metà del capitale sociale sottoscritto a causa di perdite cumulate. Ciò si verifica quando la deduzione delle perdite cumulate dalle riserve (e da tutte le altre voci generalmente considerate come parte dei fondi propri della società) dà luogo a un importo cumulativo negativo superiore alla metà del capitale sociale sottoscritto. Ai fini della presente disposizione, per “società a responsabilità limitata” si intendono in particolare le tipologie di imprese di cui all’allegato I della direttiva 2013/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio (1) e, se del caso, il “capitale sociale” comprende eventuali premi di emissione;
  2. b) nel caso di una società in cui almeno alcuni soci abbiano la responsabilità illimitata per i debiti della società (diversa da una PMI costituitasi da meno di tre anni), qualora abbia perso più della metà dei fondi propri, quali indicati nei conti della società, a causa di perdite cumulate. Ai fini della presente disposizione, per “società in cui almeno alcuni soci abbiano la responsabilità illimitata per i debiti della società” si intendono in particolare le tipologie di imprese di cui all’allegato II della direttiva 2013/34/UE;
  3. c) qualora l’impresa sia oggetto di procedura concorsuale per insolvenza o soddisfi le condizioni previste dal diritto nazionale per l’apertura nei suoi confronti di una tale procedura su richiesta dei suoi creditori;
  4. d) qualora l’impresa abbia ricevuto un aiuto per il salvataggio e non abbia ancora rimborsato il prestito o revocato la garanzia, o abbia ricevuto un aiuto per la ristrutturazione e sia ancora soggetta a un piano di ristrutturazione;
  5. e) nel caso di un’impresa diversa da una PMI, qualora, negli ultimi due anni:
  6. i) il rapporto debito/patrimonio netto contabile dell’impresa sia stato superiore a 7,5 e
  7. ii) il quoziente di copertura degli interessi dell’impresa (EBITDA/interessi) sia stato inferiore a 1,0.

I commenti sono chiusi.