LA CAVALCATA STORICA NEL TEMPO

675

   
Era l’anno 1837. Un’epidemia di colera, preceduta da un lungo periodo di carestia e di precarie condizioni di vita, colpì Deliceto. Il morbo dilagava tra la popolazione che decise di recarsi in pellegrinaggio presso la chiesa della Madonna dell’Olmitello: La statua venne portata in processione. C’era chi seguiva il corteo a piedi, chi sui muli e chi su carretti di fortuna. Appena la statua fece il suo ingresso in paese, il morbo cessò. era il 22 settembre. Da allora ogni anno, in questa data, si festeggia il culto della Madonna apparsa sull’olmo. I festeggiamenti iniziano con la cavalcata, in ricordo di quella processione.
Abbiamo selezionato alcune immagini della manifestazione, con scatti effettuati nel tempo; alcune molto originali, dove, al posto dei cavalli, sfilarono degli asinelli bardati, incuriosendo la giuria, che premiò i cavalieri con premi in natura. Dopo un periodo di sospensione forzata, tre cavalieri coraggiosi, dettero inizio, stimolando le autorità e i cittadini, a riprendere la tradizionale cavalcata, correva l’anno 1979. Da allora, ininterrottamente, è stato un crescendo di partecipazione.
(La Redazione)

I commenti sono chiusi.