ULTIMO APPUNTAMENTO CON IL PRESEPE VIVENTE

193

ULTIMO APPUNTAMENTO CON IL PRESEPE VIVENTE

DI RIGNANO GARGANICO


Dopo aver sancito il gemellaggio con il Presepe Vivente di Deliceto, il piccolo comune garganico si appresta a concludere la XIV Edizione con la sfilata dei re Magi, che si cocluderà nella grotta della Natività allestita all’ombra della torre baronale

Con la tradizionale sfilata dei Re Magi, il 6 gennaio, le strade del pittoresco centro storico medievale di Rignano Garganico torneranno ad animarsi per l’ultima volta, dalle 16.00 alle 21.00. La XIV Edizione del Presepe Vivente quest’anno ha come tema Accoglienza: un fiore da coltivare. Da sempre porta sul mondo, il piccolo paese garganico ha fatto dell’ospitalità la sua bandiera; per questo, nel pieno spirito dell’integrazione tra i popoli, i cittadini delle venti nazionalità presenti sul territorio, che insieme a volontari e rignanesi danno vita alla manifestazione, saranno omaggiati in occasione dell’Epifania con una sfilata delle loro bandiere nazionali lungo le vie cittadine.

I visitatori avranno modo per l’ultima volta di visitare una mostra di arte sacra presso l’Associazione San Rocco-Rignano Garganico, e le quindici botteghe di antiche arti e mestieri, come: l’accunt (il racconta storie), la plgn (la pulitrice del grano), lu scupl (l’imbianchino), li massaj (le massaie), lu scarpar (il calzolaio) e lu vardar (il realizzatore di some d’asino), l’urtlan e la puteca (la bottega dell’ortolano), la sernat (la serenata), la siggiar (la riparatrice di sedie), la filand e la vita d’ogn jurn (la filanda e la vita di ogni giorno), la cantin (la cantina), li vignarul (i vignaroli), lu tintor (la tintoria), lu mastr d’ascj (il maestro d’ascia), li pasturi (i pastori), la nascit (la Natività), li pagghiar (costruttori degli antichi ripari dei pastori).

Piena soddisfazione degli organizzatori per quanto riguarda il flusso di visitatori: oltre seimila le presenze registrate dopo gli appuntamenti del 19, 26 e 29 dicembre. In tredici anni di Presepe Vivente sono stati oltre centomila i visitatori accorsi da tutta Italia e anche dall’estero. Un successo che testimonia e gratifica quanti, negli anni, hanno contribuito a realizzare innanzitutto un vero e proprio laboratorio urbano di recupero di antiche tradizioni e saperi.

Il Presepe Vivente di Rignano Garganico, del tipo  “a percorso”, dove  gli spettatori attraversano i luoghi allestiti per la rappresentazione scoprendo di volta in volta le varie scene, è caratterizzato dal fatto che le comparse interagiscono con il pubblico, catapultandolo indietro nel tempo quando all’interno di piccole case vivevano intere famiglie con i propri animali, e le giornate erano scandite dal ritmo delle stagioni.

La manifestazione è organizzata in collaborazione tra il Comune di Rignano Garganico, la Parrocchia Maria SS Assunta, l’Istituto Scolastico Comprensivo “S. Giovanni Bosco”, l’Associazione Presepe Vivente e volontari, e la Pro Loco di Rignano Garganico, con i patrocini della Presidenza del Consiglio della Regione Puglia, dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Foggia, del Parco Nazionale del Gargano e con il contributo della BCC San Giovanni Rotondo, della Protezione Civile e di associazioni, cittadini rignanesi e imprese locali.

Press Office
Giorgio Ventricelli
347.5667173
Twitter @preseperignano
Facebook Presepe Vivente Rignano Garganico

Lascia una risposta