Il 23 maggio 2023, nel Cinema Teatro Comunale di Sant’Agata di Puglia, si è tenuta

215

la XIV edizione del Premio Stefano Cavaliere, patrocinato dal Comune e coordinato

dalla Pro Loco del paese dei Monti Dauni, in concomitanza della giornata della

legalità, anniversario della strage di Capaci, nella quale perdettero la vita Giovanni

Falcone, la sua signora e la scorta.

Moderati da Gerardo Lionetti, presidente della locale Pro Loco “Pierino Donofrio”,

per illustrare la figura di Stefano Cavaliere e per spiegare il senso profondo di un

corretto comportamento civile, sono intervenuti Pietro Bove, sindaco di sant’Agata di

Puglia, che ha parlato dell’attività parlamentare dell’illustre concittadino e quindi il

ragioniere Annito Di Pietro, presidente Unitre Unione dei Comuni dei 5 Reali Siti, la

prof. Roberta Saccinto, dirigente scolastica dell’Istituto Martin Luter King, di

Accadia.

Quindi hanno parlato di legalità gli avvocati Pippo Agnusdei, Tesoriere del Consiglio

dell’Ordine degli avvocati di Foggia, Diego Petroni, vicepresidente della Camera

Penale di Capitanata, Gerardo Antonio Cavaliere e Gianluca Guastamacchio,

entrambi tutor del premio Stefano Cavaliere.

La manifestazione si è conclusa con la premiazione degli studenti,che hanno

applaudito a lungo il responsabile dell’IPSIA di Sant’Agata, Giuseppe Maruotti.

A rappresentare la famiglia erano presenti il nipote di Stefano Cavaliere, Leonardo

Cavaliere, e la sua signora Rina Di Giorgio Cavaliere.

Sono stati premiati gli studenti Antonio Contillo, Ilenia Damiano, Gabriel Guida,

Nicola Saracinoe Gaetano Benedetto

A beneficio delle nuove generazioni, ricordiamo che Stefano Cavaliere, nato a

S.Agata di Puglia, nel 1920, in una famiglia di modeste possibilità economiche,

grazie ai sacrifici dei genitori, si laureò a Napoli in Giurisprudenza ed esercitò

l’avvocatura a Foggia, da penalista di vaglia.

Sposato e padre di un unico figlio, morì in un incidente stradale nel tratto di

autostrada Pescara – Francavilla, nel 2001.

Fu parlamentare di lungo corso, fu eletto deputato per la prima volta, nel 1953, dal

Partito Nazionale Monarchico. Negli anni successivi approdò nella Democrazia

Cristiana e fu anche Senatore e autorevole membro di commissioni parlamentari e di

organismi della nascente Unione Europea.

Dotato di una grande capacità oratoria, Stefano Cavaliere è ricordato per la sua

disponibilità all’ascolto e all’aiuto a chiunque e soprattutto per le sue grandi doti di

mediatore.

I commenti sono chiusi.