Monday, 18 December 2017

CIOCCARIELLO  DORI DAVIDE CIRO

Nella mattinata odierna i Carabinieri della Compagnia di Lucera hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica, che ha coordinato le indagini, che dispone la misura degli arresti domiciliari a carico dei lucerini DORI Davide Ciro, 30enne, e CIOCCARIELLO Gianluca, 34enne, entrambi ritenuti responsabili  in  concorso  tra  loro  di  spendita, senza concerto, di banconote false e truffa. I reati scoperti sono stati consumati  nei  comuni del subappenino dauno di Motta Montercorvino, dal dicembre 2016 all’agosto scorso, a Pietra Montecorvino,  dal febbraio al marzo scorsi, e ad Alberona, nel giugno di quest’anno.

Il provvedimento giunge all’esito di una complessa attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Motta Montecorvino, che da un iniziale episodio, denunciato la scorsa estate dal titolare di un bar del paese, è riuscita a risalire agli odierni indagati.

I Carabinieri di quella Stazione, grazie a questa prima denuncia, hanno poi saputo sviluppare un’articolata indagine, riuscendo ad addebitare ai due tutta la serie di circostanze nelle quali avevano messo in circolazione, confidando nella buona fede dei commercianti locali, il denaro falsificato.

Infatti, esaurita l’attività che aveva interessato il territorio di propria competenza, i militari hanno esteso le indagini ai comuni limitrofi, trovando altri importanti riscontri a Pietra Montecorvino e ad Alberona.

Individuato così un altro esercente, vittima del medesimo raggiro, i Carabinieri hanno iniziato a cogliere il modus operandi dei due, che, presentandosi nei locali come lucerini di passaggio, in modo peraltro credibile per via dell’accento, chiedevano due birre alla spina di produzione artigianale, che poi pagavano con  una banconota da 50 euro, però falsa.  Quando la vittima, rendendosi conto della falsità della banconota, in quanto non certo di carta filigranata, sbiadita e priva del filo di sicurezza, per quanto rapidamente uscisse dal proprio bar alla ricerca dei due, era già troppo tardi. I due si erano ormai dileguati facendo perdere le loro tracce.

Le descrizioni raccolte, tutte molto precise e particolareggiate, dei due malviventi, insieme ad una profonda conoscenza del territorio, hanno permesso ai Carabinieri di Motta Montecorvino dapprima di immaginare di chi potesse trattarsi e, in seguito, approfondendo l’intuizione, di individuare gli odierni arrestati.

La conoscenza del territorio, come già anticipato, è anche in questo caso stata fondamentale, visto che ad instradare le indagini sono stati anche i precedenti specifici per i quali i due erano già ben conosciuti dai militari del posto. A carico di DORI Davide Ciro e CIOCCARIELLO Gianluca, infatti, risultavano già una prima denuncia per lo stesso reato commesso a Termoli, ed un’altra, sempre  in stato di libertà, segnalata dai Carabinieri della Stazione di Deliceto.

Tutti i riscontri effettuati dai Carabinieri hanno poi trovato ulteriore conferma nelle testimonianze rese dalle vittime, che hanno riconosciuto inconfutabilmente  i due truffatori.

Si è così giunti ai provvedimenti odierni. Gli arrestati, dopo le formalità di rito espletate presso la Compagnia Carabinieri di Lucera, sono stati associati presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, che ha coordinato le indagini.

 

redazione

No Comments

You must be logged in to post a comment.

No Banner to display

No Banner to display