Saturday, 23 September 2017

DILEO Franco Giuseppe

Era lo scorso marzo quando un’anziana signora, mentre passeggiava per le via di San Ferdinando di Puglia, venne aggredita da un uomo che, pur di impossessarsi della borsa che portava a tracollo, non aveva esitato a scagliarsi contro di lei con una violenza inaudita. Bottino magro per il malfattore, poche decine di euro, con cui la donna avrebbe dovuto fare la spesa. Lesioni gravissime, invece, per la povera malcapitata, che aveva riportato la frattura della spalla, e che, con molta probabilità, perderà la completa funzionalità dell’articolazione.

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della locale Stazione, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Foggia, su richiesta del Pubblico Ministero, Dott. Francesco Di Liso, hanno tratto in arresto DILEO FRANCO GIUSEPPE, cl. ’81, pregiudicato del posto, responsabile del grave episodio delittuoso.

I militari, appresa la notizia dell’accaduto, sin da subito avevano acquisito le immagini di tutti i sistemi di videosorveglianza presenti nella zona e, dopo un’attenta analisi dei numerosi filmati, sono riusciti a inchiodare il DILEO alle proprie responsabilità, fissandolo sia nei momenti precedenti alla rapina, in cui stava pedinando la vittima designata, che in quel momento era in compagnia di un’altra donna, che in quelli successivi all’esecuzione del delitto, mentre fuggiva con in mano il malguadagnato bottino.

DILEO dovrà rispondere dei reati di rapina aggravata e lesioni gravissime.

 

Nelle prime ore del mattino, a Vieste, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Foggia e della locale Tenenza hanno notificato la Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di Vieste a RADUANO Marco, 32 anni, elemento di spicco della criminalità viestana.

Quest’ultimo, nel corso della sua pluriennale carriera delinquenziale si è sempre contraddistinto quale figura trainante nell’ambito di attività delittuose di primissimo piano ma è in seguito all’omicidio del boss Angelo NOTARANGELO, avvenuto il 26 gennaio del 2015, che è progressivamente emerso negli ambienti della malavita locale fino ad essere considerato uno degli elementi di spicco della criminalità viestana.

Solo nella mattinata odierna è stato possibile trovarlo nella propria abitazione a Vieste e procedere alla notifica della sorveglianza speciale da parte dei Carabinieri. La sottoposizione a tale misura di prevenzione permetterà ai militari dell’ Arma di controllare i movimenti e le attività di RADUANO in maniera più proficua e pregnante, limitando in maniera decisiva la sua nota proclività a delinquere.

Dragatan Gabriel

I Carabinieri del Comando Stazione di Lesina, in questi giorni particolarmente impegnati in continui controlli del territorio anche in relazione alla numerosa presenza di persone in vacanza nelle località balneari del gargano, hanno rintracciato un cittadino romeno nei cui confronti risultava pendente un mandato di arresto europeo.

L’uomo, Dragatan Gabriel, classe ‘78, era stato condannato dalle autorità rumene per guida senza patente di un veicolo non immatricolato. Sottrattosi alla cattura nel paese di origine, è stato rintracciato dai Carabinieri di Lesina i quali, al termine di un servizio di osservazione e controllo, lo hanno individuato in un’abitazione nelle campagne di Lesina.

Una volta localizzato, i militari lo hanno fermato dichiarandolo in stato di arresto, traducendolo successivamente presso il carcere di Foggia.

 

 

 

redazione

No Comments

You must be logged in to post a comment.

No Banner to display

No Banner to display